ZTE

ZTE chiude le porte al suo smartphone in crowdfunding

ZTE ha annunciato di aver abbandonato il suo progetto Hawkeye, uno smartphone che l’azienda voleva creare in crowdfunding, mettendo a punto un device di fascia media che potesse integrare tutte le funzionalità richieste dalla clientela, mantenendo il costo inferiore ai 200 dollari. Tuttavia, dei 500 mila dollari che erano necessari per il progetto, in 45 giorni sono stati ottenuti solamente 36 mila dollari, da parte di 190 donatori. Dunque, un nulla di fatto per un’idea comunque interessante che, tuttavia, non riuscirà mai a vedere la luce.

La notizia della cancellazione del progetto è giunta direttamente con un post su Kickstarter, la piattaforma scelta per poter formulare la raccolta fondi. Il progetto, conosciuto come CSX, ha raccolto molti feedback positivi nonostante il fallimento e, dunque, non è affatto detto che prima o poi ZTE non possa tornare su tale idea per altre strade alternative a quella già sperimentata.

Al momento, peraltro, non sono chiare le mosse future di ZTE, impegnata con il dispositivo Gigabit ma non certo delusa dal mancato raggiungimento del target di finanziamento dell’Hawkeye, che potrebbe tornare ad essere sviluppato con le proprie forze, invece di ricorrere al crowdfunding. In questo caso, però, è molto probabile che il device possa perdere buona parte delle sue caratteristiche di mid-level, ed essere strutturato come uno smartphone di punta, arricchito dal sistema Senseye, una modalità che è in grado di riconoscere il movimento degli occhi dell’utente, garantendo una migliore usabilità del dispositivo senza ricorrere alle mani.

Scrivi un commento

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime Notizie

Inizio