App

WhatsSpy mina la privacy di Whatsapp?

whatsspy

whatsspyTempi duri per la sicurezza e la privacy mobile. Pur avendo azionato tutte le app possibili ed immaginabili per la sicurezza nella navigazione, senza tralasciare l’importanza dei download solo dallo store originale – Apple o Android – bisogna stare sempre con gli occhi aperti.

In questo articolo non vogliamo parlarvi di un virus, malware o spyware in generale, piuttosto di un’applicazione che va a minare la sicurezza delle vostre azioni via mobile. L’applicazione in questione si chiama WhatsSpy e sì, quello “Spy” dovrebbe… farvi stare con le antenne dritte.

Cos’è WhatsSpy e come agisce?

WhatsSpy altro non è che un’applicazione che in poche mosse permette all’utente malintenzionato di accedere a tutte le attività del contatto preso di mira. Per ipotesi, se quest’ultimo ha impostato come private la foto del profilo, il messaggio personale e l’orario dell’ultimo accesso, con WhatsSpy queste informazioni possono tranquillamente venire a galla.

A poco servono i nuovi sistemi crittografici inseriti dagli sviluppatori all’interno dell’ultimo aggiornamento di Whatsapp. WhatsSpy riesce tranquillamente a ‘bucarli’.

Come spiega l’ideatore di WhatsSpy, Maikel Zweerink, “le impostazioni della privacy di WhatsApp danno la possibilità all’utente di modificare il suo ultimo accesso, la foto profilo e il messaggio personale. Si potrebbe pensare che la vostra privacy sia al sicuro impostando l’opzione ‘nessuno’, ma la verità è che con WhatsSpy sarei in grado di tenere traccia di ogni vostra mossa”. Tempi duri per chi tiene alla propria privacy.

Quindi, come spiegato dai tecnici di Tecnoandroid.it, se l’utente A sta leggendo le vecchie conversazioni fatte con l’utente B (il quale ha nascosto il proprio stato online a tutti) e l’utente B effettua l’accesso all’applicazione, l’utente A sarà comunque in grado di conoscere il suo stato perché nella sua finestra apparirà la scritta “online”. L’intento dello sviluppatore Zweerink non è quello di minare la privacy altrui o mettere su un esercito di hacker pronti a scovare ogni minima mossa del contatto preso di mira. Piuttosto, come lui stesso tiene a precisare, vuole rendere pubblico il concetto che la sicurezza su cui tanto punta Whatsapp altro non è che un muro di illusioni.

Per dare maggior forza alla sua parola, Zweerink ha messo il suo WhatsSpy in download gratuito sul suo sito (gitlab.maikel.pro/maikeldus/WhatsSpy-Public/wikis/home) corredandolo con la guida completa, affermando però che non tutti gli utenti saranno in grado di seguire l’intero procedimento considerando la sua complessità.

Scrivi un commento

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime Notizie

Inizio