Novità

WhatsApp “fa fuori” alcuni smartphone: ecco cosa cambia

WhatsApp, il più noto sistema di messaggistica istantanea del mondo, presto non sarà più disponibile su alcuni smartphone. Dopo aver superato da poco i suoi primi 7 anni di vita e quasi un miliardo di persone in tutto il mondo che lo utilizzano, la società ha scelto di compiere una nuova accelerazione sul futuro, abbandonando alcuni vecchi modelli.

“Quando abbiamo iniziato nel 2009, l’utilizzo che le persone facevano dei dispositivi mobili erano molto diversi da oggi” – dichiara una nota comparsa sul proprio blog ufficiale, per poi ricordare che all’epoca circa il 70% degli smartphone venduti allora aveva sistemi operativi offerti da BlackBerry e Nokia.

Oggi lo scenario è radicalmente mutato, e i sistemi di Google, Apple e Microsoft assorbono una quota di mercato che si avvicina al 99,5%. “Se guardiamo avanti per i nostri prossimi 7 anni – si legge sul blog ufficiale – vogliamo concentrare i nostri sforzi sui dispositivi che la stragrande maggioranza delle persone utilizza”.

Di qui, il nuovo passaggio evolutivo. “Entro la fine del 2016 chiuderemo il supporto per WhatsApp Messenger sulle seguenti piattaforme mobili: BlackBerry (compreso BlackBerry 10); Nokia S40; Nokia Symbian S60; Android 2.1 e Android 2.2; Windows Phone 7.1”. Il motivo? A spiegarlo è sempre WhatsApp, che ricorda come tali dispositivi “non offrono il tipo di funzionalità di cui abbiamo bisogno per espandere le caratteristiche dell’applicazione in futuro”.

“E’ stato un viaggio sorprendente – sottolinea ancora WhatsApp – e nei prossimi mesi metteremo ancora più enfasi sulle caratteristiche per garantire sicurezza, da un lato, e offriremo sempre più modi per rimanere in contatto con le persone che ti stanno a cuore dall’altro”. Per continuare a fruire di WhatsApp su tali device, conclude poi la nota sul blog ufficiale, “vi consigliamo di passare ad una versione più recente di Android, iPhone o Windows Phone prima della fine del 2016”.

Scrivi un commento

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime Notizie

Inizio