Anticipazioni

Smartphone che si comandano con un “soffio”: presto realtà?

snapback

snapbackSebbene, al momento, sia ancora ipotesi lontana, presto il touchscreen potrebbe appartenere al passato, superato da una straordinaria tecnologia innovativa che consente di rivoluzionare l’interazione tra uomo e macchina, attraverso… un soffio. Sarà quindi sufficiente soffiare sul display per poter inviare un’email o attivare una telefonata o, magari, effettuare un selfie del tutto particolare. Non solo: considerando che le possibilità di interazione sono infinite e personalizzabili, gli stessi comandi potrebbero essere dati attraverso il battere delle mani o lo schiocco delle dita.

Il merito di questi preannunciati passi in avanti è del sistema di Snapback, una startup impegnata a sviluppare interfacce sempre più moderne e innovative, in grado di consentire un’interazione tra uomo e macchina senza necessità di toccare il dispositivo. Una startup che ha altresì l’ulteriore valore di essere italiana, e di essere stata selezionata nella sede di Luiss Enlabs da una giuria di esperti, per poter partecipare, a settembre, al boot-camp di Tel Aviv, dove a sua volta Snapback dovrà sfidare altre 20 startup vincitrici, provenienti da tutto il mondo.

Come riportato da un recente approfondimento curato da Corriere Innovazione, “l’interazione uomo macchina è la grande sfida futura” – afferma Giuseppe Morlino, co fondatore e ceo dell’impresa – “Potremo utilizzare i dispositivi mobili mentre siamo impegnati a fare altro, a cucinare, guidare, fare jogging, studiare o lavorare”.

Il magazine riporta in proposito che secondo alcune recenti stime le innovazioni tecnologiche touchless raggiungeranno nel 2020 un valore di 20 miliardi di dollari, con una specifica e particolare attenzione al comparto dell’efficienza energetica: un settore che, prosegue il manager della startup, potrebbe vedere scendere i consumi di energia del 35% proprio grazie alle soluzioni di Snapback. Il tutto, con un unico, grande, obiettivo di fondo: rendere più simile alle persona la tecnologia.

“Snapback è una libreria software, un pacchetto di programmi, completamente free per gli sviluppatori” – afferma Morlino – “Abbiamo ricevuto un finanziamento di 60 mila euro da LVenture group di cui fa parte il business angel Claudio Erba. Cerchiamo 250 mila euro per meglio sviluppare e internazionalizzare l’idea”.

Un progetto di grande interesse, che continueremo a tenere sotto controllo anche nel corso dei prossimi mesi.

Scrivi un commento

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime Notizie

Inizio