App

Satispay, l’app per i pagamenti da mobile

satispayDario Brignone, Alberto Dalmasso e Samuele Pinta sono i tre giovani cuneesi, operanti nel settore informatico-finanziario, che hanno messo a punto l’applicazione che potrebbe contribuire a rinnovare i sistemi di pagamento. Nell’era tecnologico digitale, con le direttive partite dalle banche europee di limitare i pagamenti cartacei a favore delle transazioni elettroniche (vedi, ad esempio, i pagamenti con carta di credito), i tre tecnici hanno aggiunto le problematiche personali legate ai pagamenti in contanti e hanno dato vita a Satispay.

Un’app sviluppata in tre anni che ha l’obiettivo di raggiungere i 15 milioni di utenti. Satispay in questi giorni sta debuttando sul mercato italiano. Ma di cosa si occupa, effettivamente, Satispay?

L’ingegno di Dalmasso, Brignone e Pinta ha portato alla progettazione e allo sviluppo di un’applicazione in grado di gestire ed effettuare i pagamenti tramite mobile. Tramite gli smartphone, appunto.

“Eravamo stanchi di vederci spesso rifiutare carte di credito e bancomat per pagamenti di piccole somme – racconta Dalmasso – Così come, da studenti, eravamo consapevoli della difficoltà di dividere le spese tra persone pagandosi poi in contanti”. Da qui nasce l’idea di Satispay, un’App in grado di gestire tutte quelle piccole transazioni frequenti alle quali, a oggi, non c’è alternativa rispetto ai contanti.Satispay collega gli smartphone ai circuiti bancari. Ed è proprio in questo che consiste l’innovazione. Esistono molte altre applicazioni sviluppate da ogni singola azienda bancaria, ma sono limitate al solo istituto di credito.

Satispay, invece, è collegata a qualunque circuito bancario italiano ed europeo. Una visione ad ampio raggio, dunque.

L’App è utilizzabile sia sui dispositivi mobile Android sia Apple ed è totalmente gratuita. Grazie all’avvio di una start-up nel giugno di due anni fa, i tre giovani soci hanno ottenuto finanziamenti pari a 400mila euro. Oggi il capitale è in aumento, raggiungendo la quota di 5.1 milioni di euro; ma l’obiettivo primario degli sviluppatori, oltre a quello di raggiungere un’ampia fetta di utilizzatori su scala nazionale, va a toccare anche la sfera culturale.

Riuscire a convincere le persone riguardo la sicurezza e la comodità del pagamento elettronico, rispetto a quello cartaceo, segnerebbe uno sviluppo e un cambiamento epocale in vista della richiesta sempre più frequente dell’uso degli strumenti tecnologici. E se tutto ciò è possibile tramite l’uso di un’app su smartphone, è tanto di guadagnato.

Scrivi un commento

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime Notizie

Inizio