Telefonini

Presto gli smartphone si ricaricheranno con i batteri?

Sono minuscoli, invisibili ad occhio nudo, e spesso si muovono in continuazione. Parliamo dei batteri che, forse, in un prossimo futuro potrebbero diventare tra le fonti di energia più insospettabili a nostra disposizione.

A dimostrare quanto i batteri possano effettivamente essere utili per poter cercare di generare energia, utile magari per poter ricaricare la batteria dei nostri smartphone, è uno studio condotto dai ricercatori dell’università britannica di Oxford, e pubblicato sull’ultimo numero della rivista Sciences Advances.

Secondo quanto riporta l’analisi, alcune simulazioni al computer avrebbero dimostrato che il caotico sciame di batteri in movimento può in realtà essere organizzato in maniera non casuale, trasformando tale dinamismo in una vera e propria fonte di energia ininterrotta. I ricercatori si dicono dunque convinti che i batteri possano diventare delle minuscole centrali di energia, alimentate per poter far funzionare gli smartphone.

Per gli analisti, mentre si muovono i batteri agiscono come uno sciame, generando però flussi troppo disorganizzati per poter essere delle fonti di energia. Tuttavia, le cose sono presto cambiate quando i ricercatori hanno immerso un reticolo di 64 microrotelle nel fluido attivo dei batteri: i batteri hanno iniziato a organizzari spontaneamente, e grazie a tali movimenti le rotelle hanno potuto girare in direzione opposta, alimentando quelle che potrebbero essere delle minuscole turbine.

Naturalmente, da qui a poter essere realmente utilizzati per produrre energia, il passo è ampissimo…

Scrivi un commento

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime Notizie

Inizio