Novità

Non solo Google: anche Motorola progetta smartphone modulare?

Non solo Google starebbe lavorando a uno smartphone modulare. Secondo quanto rivelano alcune indiscrezioni diffuse negli scorsi giorni, Motorola sta lavorando per poter far del suo nuovo Moto Z uno smartphone con scocche intercambiabili, ognuna delle quali sarà diversa esteticamente e, soprattutto, in grado di apportare nuove funzionalità all’hardware del dispositivo.

Che si tratti di una moda passeggera o di una nuova frontiera dei dispositivi di telefonia mobile, è ancora troppo presto per saperlo. Quel che sembra certo è tuttavia che le grandi aziende tecnologiche stanno investendo con crescente impegno nei telefonini modulabili, da personalizzare attraverso l’innesto di vari moduli, ognuno dotato di specifiche funzioni.

E così, dopo il Project Ara di Google e dopo il G5 di LG, Lenovo, attraverso il proprio brand Motorola, sta progettando una nuova linea di smarpthone chiamata Moto Z e in grado di offrire all’utente la possibilità di sganciare e sostituire la scocca posteriore, utilizzandone altre simili, ma dotate di funzioni speciali e dedicate.

Stando a quanto rivela l’esperto di “rumors” e anteprime Evan Blass, le scocche intercambiabili e con funzioni dedicate di Motorola si chiamerebbero MotoMods, e andrebbero a costituire una miniera di nuove opportunità di utilizzo per Motorola: si va infatti dalla classica batteria supplementare che può allungare la durata dell’operatività dello smartphone a una fotocamera migliorata, passando per un audio surround e per la realtà virtuale.

Per saperne di più bisognerà attendere il 9 giugno, data in cui Lenovo presenterà ufficialmente la nuova linea Moto Z.

Scrivi un commento

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime Notizie

Inizio