Smartphone

Meno sesso? È colpa (anche) dello smartphone

Secondo quanto afferma David Spiegelhalter, professore di statistica dell’Università di Cambridge, autore di Sex by numbers, entro il 2030 il sesso potrebbe diventare un ricordo. E la colpa, in fondo, sarebbe anche degli smartphone. Ma per quale motivo?

Cominciamo con il ricordare come la previsione di Spiegelhalter, per quanto tetra, non è del tutto utopistica: se si osservano i numeri del Natsal (il British National Surveys of Sexual Attitudes and Lifestyle), riportati recentemente da Forbes, nel Regno Unito dal 1990 ad oggi la media dei rapporti sessuali tra le coppie è scesa da cinque a tre volte al mese.

Il motivo, sostiene la ricerca, è che smartphone e iPad ci rendono sempre più pigri. Così come, in fondo, anche osservare le serie tv e altri prodotti di entertainment che assorbono sempre più tempo. E va a finire, in tal modo, che lo smartphone, il tablet e la tv prendono il posto del partner: se vi sembra un’esagerazione, sappiate che l’autore della ricerca è pronto a dimostrare, numeri alla mano, che così non è.

Anzi, prosegue Spiegelhalter, di questo passo non è impossibile pensare a un futuro in cui si rinuncerà del tutto al sesso, soprattutto se il trend continuerà di questo passo: lo studioso ricorda ad esempio che se 30 anni fa i programmi tv terminavano alle 22.30 e dopo non c’era più nulla da fare, oggi l’intrattenimento è 24 ore su 24, e erode il desiderio di dedicarsi ad altre attività…

Scrivi un commento

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime Notizie

Inizio