Gestori

Iliad e Ho.: confronto tra i nuovi operatori del mercato della telefonia mobile

Da qualche settimana l’arrivo di Iliad e Ho. sembra aver determinato qualche nuovo dinamismo in un mercato della telefonia mobile che fino a quel momento era cristallizzato su alcuni grandi operatori. Ma in cosa consistono le loro offerte? Quale conviene di più?

Ho.

Cominciamo da Ho. che entro il 31 luglio 2018 permette a tutti gli interessati di poter attivare una nuova offerta con un costo di 6,99 euro al mese, proponendo 30 GB in 4G, minuti e SMS illimitati. Il costo effettivo iniziale è di 16,99 euro, da ripartirsi in 9,99 euro a titolo di acquisto SIM e costo di attivazione, e 7 euro di prima ricarica (da cui sarà scalato il rinnovo di 6,99 euro).

Oltre a ciò, Ho. propone una serie di add-on contrattuali abbastanza interessanti. Per esempio, una volta finiti i GB della propria offerta la navigazione sarà bloccata (per non generare spese impreviste), mentre sono comprese nel prezzo diverse funzioni come l’avviso di chiamata, gli SMS di chiamata in caso di telefonino spento o occupato, navigazione hotspot, trasferimento di chiamata e così via.

La tariffa è priva di vincoli. Chi lo vorrà potrà cessare in qualsiasi momento l’uso del servizio. Non sono richiesti codici IBAN o numeri di carta di credito, lasciando libero il cliente di scegliere la modalità di ricarica che preferisce. Non ci sono costi di disattivazione o penali.

La SIM Ho. si può acquistare in pochi minuti online, con spedizione gratuita a casa e attivazione con videochiamata (sito ho-mobile.it) oppure prenotando online con ritiro e pagamento in un punto vendita, o ancora in uno dei 3.000 punti vendita Ho.

Iliad

Molto simile all’offerta Ho. è quella di Iliad, che al prezzo di 5,99 euro al mese propone 30 GB in 4G+, SMS e minuti illimitati (anche verso altre 60 destinazioni). Sono inoltre previsti minuti e SMS illimitati in Europa, oltre a 2 GB di navigazione in 4G.

Inclusi nell’offerta la segreteria telefonia, il servizio di richiamata, la navigazione hotspot, il controllo del credito residuo e tanto altro ancora.

Dunque, a ben vedere, due tariffe molto simili nei costi e nella proposta. E che, ora, saranno messe al vaglio della realtà: voi avete già provato questi servizi? Come vi siete trovati? Li consigliereste?

Ultime Notizie

Inizio