batterie

Facebook? È l’app “ammazza-batteria”

L’app di Facebook è – per eccellenza – il software “ammazza-batteria” dei nostri smartphone. Un’affermazione non certo nuova, che tuttavia nel corso degli ultimi giorni è tornata prepotentemente “di moda” in seguito alla pubblicazione di un approfondimento del Guardian, secondo cui disinstallare l’app di Facebook da uno smartphone Android farebbe guadagnare il 20% di batteria, e farlo da uno smartphone iPhone farebbe invece conquistare un 15% in più.

A prescindere dall’utilizzo, lo studio ha dedotto che su sistema operativo Android la rimozione dell’app del social network consentirebbe di avviare le altre applicazioni fino al 15 per cento più rapidamente. Pur senza individuare, nello specifico, il problema, è stato indicato come la presenza dell’app del social incida sulle prestazioni dello smartphone nel complesso.

Dunque, la conclusione è che l’app di Facebook consuma molto, e lo fa anche quando è “silente”, con la deduzione che probabilmente il software del social network fa molta più attività in background di quanto appaia e di quanto, probabilmente, sia dovuto. Un’alternativa low-energy potrebbe essere quella di usare Facebook all’interno di Chrome: in seguito agli aggiornamenti recenti, è possibile godere di un’esperienza di utilizzo perfettamente comparabile.

Lo stesso comportamento si può inoltre replicare su iOS, il sistema operativo di Apple. Stando all’approfondimento curato dal Guardian, Facebook mobile da Safari è perfettamente usabile, con qualche difficoltà nella sola attività di condivisione di foto o video, che richiede qualche passaggio in più. Non sono inoltre fruibili i c.d. “Instant Articles” (ma in Italia sembra che quasi nessuno lo consideri un cruccio). Dunque, fin quando Facebook non svilupperà una migliore ottimizzazione energetica sulla propria app, val forse la pena ricorrere al browser. Pare che l’esperienza di utilizzo non sia affatto male e, in fondo, sia un piccolo sforzo da compiere per il benessere e la longevità della batteria dei vostri smartphone.

Scrivi un commento

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime Notizie

Inizio