Novità

Cellulari anti-intercettazioni: Aes 256, il criptofonino per la tutela della privacy, telefonino per non farsi intercettare

L\’ultima novità sulla privacy al telefonino è il criptofonino, cellulare contro le intercettazioni.

La Caspertech, nata nel 2003 dal Politecnico di Torino, ha creato un software, l\’Aes 256, applicabile a tutti i Gsm che (a 1.950 euro) protegge le conversazioni da intercettazioni illegali.

\"criptofoniniVenduto a migliaia di esemplari \”Ce li chiedono anche all’estero – dice Ferdinando Peroglio, direttore commerciale – soprattutto imprenditori che commerciano con i Paesi dell’Est, dove le intercettazioni illegali sono diffuse. Poi commercialisti, politici. Ecco, Paolo Guzzanti è il nostro testimonial».
Paolo Guzzanti, senatore di Forza Italia, lo usa facendo anche attenzione a staccare la batteria «perché il cellulare anche da spento può servire agli spioni».

Gli investigatori lamentano un aumento delle telefonate criptate e l\’impossibilità di intercettare queste chiamate: \”Se Moggi o Ricucci avessero parlato usando questi cellulari, le cose sarebbero andate diversamente\”.

Riguardo al rischio che tutto questo possa aiutare i delinquenti, la società si difende:
«I magistrati possono far disattivare le telefonate criptate. Noi siamo tranquilli», spiegano le aziende.

L’ex arbitro Massimo De Santis (calciopoli): «L’avessi avuto prima un telefonino anti-intercettazioni, sarebbero stati soldi ben spesi e avrei protetto la mia privacy».
E ora ammette: «Non credo mi serva più, comunque ho imparato a convivere con la possibilità di essere intercettato».

Peruzzo Editore ha creato una speciale divisione la «Peruzzo Security Systems» dedicata all\’apparecchio «anti-intercettazioni», dal significativo costo: 4.000 euro.
\”Ma ben spesi – dicono-. Quale imprenditore non investirebbe nella protezione di dati aziendali, telefonate di business, conversazioni con il commercialista?\”
\”I contatti già ci sono: Industriali, banche, società finanziarie, politici. Il nostro obiettivo? Venderne 500 al mese\”.
A rendere inviolabili le telefonate è un protocollo russo, già usato in campo militare, inventato da Anatoly Klepov, fornitore del Kgb.
Per la gente \”comune\” (che comunque non desidera correre il rischio di far ascoltare le proprie conversazioni ad altri) Nokia ha messo on line un software a 580 euro, Sony Ericsson ha il dispositivo Snapcell (620 euro).

Fonte: Corriere.it

Scrivi un commento

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime Notizie

Inizio