Anticipazioni

BlackBerry ci riprova: smartphone per professionisti e tastiera

blackberry passport

blackberry passportBlackBerry ci prova ancora e, secondo i più, si tratta di un esperimento “ultimo” prima di alzare bandiera bianca nei confronti di un comparto che ha dato tante soddisfazioni (prima) e altrettanti dolori (poi). La società canadese (ex RIM) ha infatti dato alla luce Passport, un progetto che la compagnia ha svelato qualche giorno fa, e che è rappresentato da uno smartphone dalla forma particolare (rettangolare, ma con display touch quadrato) e da una nuova tastiera fisica.

Insomma, in un mondo in cui la differenziazione la fa da padrona, BlackBerry cerca di distinguersi dalla concorrenza attraverso un display quadrato (e non rettangolare) e attraverso la riproposizione di una tastiera QWERTY sviluppata su tre sole righe, e integrata con alcuni pulsanti virtuali.

Il display con diagonale da 4,5 pollici – afferma BlackBerry in un post sul proprio sito internet ufficiale – dovrebbe garantire lo stesso spazio visuale di un display da 5 pollici, con risoluzione Full Hd da 1440 x 1440 pixel. Con tali presupposti (il display sembra fatto apposta per poter lavorare su Excel e su documenti particolarmente ricchi di contenuti), e con il ritorno di una classica tastiera fisica, è facile comprendere quale sia l’impegno della società canadese nei confronti del proprio target di riferimento, quello business.

Per rafforzare lo spirito comparativo, inoltre, BlackBerry ha messo a confronto la propria neonata creatura con l’iPhone e il Samsung Galaxy S5, nel tentativo di dimostrare che la superficie utilizzabile con Passport è decisamente più estesa. Secondo il quotidiano Il Sole 24 Ore, alcuni studi accademici avrebbero in merito suggerito che il numero ottimale di caratteri su una riga di un libro è pari a 66, contro i 40 della maggior parte degli smartphone e i 60 del Passport.

Caratteristiche tecniche a parte, il nuovo Passport dovrebbe debuttare sui principali mercati internazionali entro la fine del 2014. Non sono resi noti maggiori dettagli temporali, nè indicazioni sui prezzi. L’impressione è tuttavia che BlackBerry voglia cercare nuovamente di ritagliarsi una nicchia tra gli utilizzatori professionali e che, a tal fine, non stia puntando sull’elemento prezzo per poter attirare broker, ingegneri, architetti, analisti & co.

Scrivi un commento

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime Notizie

Inizio