Huawei

Ascend P7, l’arma con cui Huawei vuol sfidare Samsung e Apple

ascend p7

ascend p7Huawei ha presentato un nuovo smartphone che promette prestazioni di alto livello e prezzo fortemente concorrenziale: un mix che potrebbe nuocere al binomio Samsung – Apple, annoverando, all’interno dell’agguerrita competizione per i device di fascia top, anche l’operatore asiatico.

Che Huawei abbia una particolare predilizione per il low cost, non è certo una novità. Anzi, è proprio attraverso la fornitura di buoni rapporti qualità / prezzo che Huawei è riuscita a scalare importanti gradini nella scala di gradimento degli utenti di mezzo mondo, fino ad arrivare a divenire un vero e proprio colosso globale dell’hi-tech. Con il nuovo passo in avanti, tuttavia, Huawei sembra essere certa di poter compiere l’ultimo, definitivo passo, che la condurrà a combattere ad armi pari con i sudcoreani di Samsung e gli americani di Apple.

Con un evento organizzato a Parigi, Huawei ha presentato il proprio Ascend P7, uno smartphone sottile 6,5 millimetri, disponibile sul mercato italiano a partire dalla fine del mese di maggio, estremamente leggero e con un design molto ricercato. La fotocamera posteriore è di 13 Megapixel, mentre quella anteriore ne ha ben 8: un chiaro segnale di come Huawei voglia cavalcare il fenomeno dei selfie, garantendo una qualità difficilmente riscontrabile negli altri dispositivi mobili.

La conferma dell’attenzione di Huawei per i selfie è inoltre confermata dall’esplicito annuncio di voler rivoluzionare il settore attraverso i “groufies”: non più un autoscatto “tradizionale”, come finora abusato, bensì delle foto panoramiche, che permettono al selfie di diventare “di gruppo”. Inoltre, Huawei promette rapidità eccezionali: per scattare una foto sarebbero sufficienti 1,2 secondi da display spento (è sufficiente premere due volte il pulsante del volume per attivare la fotocamera e scattare, rendendoci tutti un po’ più paparazzi).

Tutto qui? Non proprio. Perché dalle parti di Huawei hanno avuto voglia di stupire, introducendo funzioni apparentemente superflue (come la funzione specchio, talmente realistica che se ci si soffia sopra lo schermo si appanna) e fondamentali per un buon target di clientela (dual sim, anche se in Italia pare che in un primo momento non verrà applicata).

Il prezzo? Solamente 399 euro per il mercato italiano…

Scrivi un commento

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime Notizie

Inizio