iPhone6

Apple ordina 85 – 90 milioni di iPhone?

Secondo le indiscrezioni, Apple non sarebbe molto soddisfatta degli attuali dati di vendita degli Apple Watch, che smaltito l’entusiasmo iniziale (con punte di 200 mila pezzi venduti al giorno) si starebbe ora collocando su risvolti commerciali più miti e, soprattutto, nei modelli in cui la società di Cupertino ha meno marginalità (la versione Sport, la più economica). Tuttavia, quanto sopra non solo non scoraggia la società che fu di Steve Jobs, ma amplia le aspettative sul nuovo prodotto di punta: la revisione degli iPhone.

Stando a quanto afferma il Wall Street Journal, la società starebbe scommettendo talmente tanto sui prodotti in corso di arrivo, e che saranno annunciati a settembre, che avrebbe domandato ai fornitori di produrre entro il 31 dicembre 2015 tra 85 e 90 milioni di unità, comprensive dei due distinti modelli, che avranno – come gli iPhone 6 e gli iPhone 6 Plus – schermi da 4,7 e 5,5 pollici.

Al fine di poter confrontare gli attuali volumi con quelli più prossimi, possiamo ricordare come lo scorso anno Apple ordinò tra le 70 e le 80 milioni di unità complessive per poter rispondere alle richieste iniziali. I numeri pubblicizzati dal Wall Street Journal sembrano pertanto essere un pò ottimistici, anche alla luce del fatto che pare che i nuovi i Phone non avranno grandissime innovazioni tecniche rispetto alla versione attualmente in commercio.

Secondo altri osservatori, il volume di produzione sarebbe tuttavia in linea con quanto simato dalla società, alla luce del fatto che molti consumatori starebbero aspettando proprio il nuovo modello per poter piazzare il proprio ordine. Ricordiamo in tal senso che nel primo semestre dell’anno fiscale, conclusosi a settembre, l’azienda aveva venduto oltre 135 milioni di iPhone, in incremento del 43% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. E, forse, sulla scia di questo successo l’azienda cerca il colpaccio…

Scrivi un commento

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime Notizie

Inizio