ADzero

ADzero lo smartphone con il bamboo amico dell’ambiente

\"\"Alle orecchie di qualcuno potrebbe sembrare lo spot di una nuova campagna pubblicitaria, ma sempre più spesso le grandi compagnie produttrici di dispositivi mobili cercano di strizzare l’occhio all’ambiente, con l’integrazione di componenti ecologiche. Oggi vi presentiamo uno smartphone prodotto da un’azienda nuova nel settore della telefonia: la ADzero. La compagnia è pronta a lanciare sul mercato un dispositivo costruito dal maggior numero possibile di componenti riciclabili, a partire dal corpo interamente in bamboo, rendendo così il tutto estremamente leggero e robusto.
Il dispositivo in realtà è ancora in fase di sviluppo, ma per il corpo è utilizzato legno di bamboo, lasciato crescere in maniera
naturale per 4 anni, che trova una estrema reperibilità in Cina. Dal lato hardware ancora non si sanno notizie, ma si punta a mantenere le caratteristiche di fascia alta.

Questo stravagante ed ambizioso progetto parte da un concept, realizzato da uno studente 23enne di nome Kieron-Scott Woodhouse che studia Design alla Middlesex University di Londra. Il giovane, attualmente all’ultimo anno di università, creò inizialmente questo concept in seguito alla scarsa varietà di design fra i dispositivi odierni. Dopo avere postato le prime immagini su
internet venne contattato da un imprenditore tecnologico interessato nella produzione del dispositivo, e così nacque la ADzero.
I primi risultati sono uno smartphone dal peso dimezzato e uno schermo più grande rispetto all’iPhone con sistema operativo Android. Il rilascio è previsto prima per il mercato cinese, dunque per il Regno Unito. L’idea, seppur bizzarra, però ha trovato d’accordo gli appassionati di tecnologia, poiché si è stabilito un ottimo compromesso tra materiali e prestazioni. Chissà se ci si troverà di fronte al pioniere di un nuovo standard a prova di ambiente? Non resta che attendre lo sviluppo di questi materiali e che presto arrivino anche sul mercato europeo e in Italia.

Di Daniele Trenca

Scrivi un commento

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime Notizie

Inizio