Novità

Addio ai telefonini: le telefonate sono sempre più smart!

smartphone in aereo

smartphone in aereoCome sappiamo, le grandi aziende si affidano alle società di ricerca e di statistica per comprendere i trend del presente e, pertanto, anticipare i prodotti del futuro. In merito, una recente ricerca del colosso Gartner, azienda multinazionale leader mondiale nella consulenza strategica, ricerca e analisi nel campo dell’Information Technology, ha evidenziato che su ogni tre telefoni mobili venduti, due appartengono all’universo degli smartphone, mentre solamente uno può essere considerato un ‘classico’ telefonino.

Ad ogni modo, il trend era ampiamente intuibile visionando un qualsiasi scaffale della grande distribuzione, dove salta immediatamente all’occhio come i telefonini classici stiano lasciando posto agli smartphone di ultima generazione. Il successo degli smartphone non deriva, in ogni caso, solo dalla loro bellezza estetica e dalle loro alte prestazioni, ma anche dall’abbassamento della forbice tra il loro prezzo di vendita e il costo di un telefonino classico. Se per l’acquisto di un telefono cellulare classico possono infatti essere spesi 50 euro, uno smartphone limitato ma ‘che fa il suo dovere’ può costare anche 100 euro, e tale labile forbice convince i consumatori ad acquistare un cellulare più bello e performante, rispetto a uno più “vintage”.

Questo dato si rivela, però, molto significativo della situazione che stanno vivendo le società che producono gli apparecchi, in quanto l’abbassamento dei prezzi deriva sicuramente dalle continue scoperte tecnologiche ma si propone altresì come il frutto di una concorrenza spietata che vige in questo settore. Le compagnie che producono apparecchi telefonici non se la passano molto bene, stando alle cifre rilevate nello scorso anno. In alcuni Paesi esse hanno presentato bilanci attivi, come negli Stati Uniti, ma hanno subito una battuta d’arresto in molte zone dell’Asia e degli Emirati Arabi.

Samsung detiene il primato delle vendite, con 73,2 milioni di smartphone venduti e una quota di mercato del 24,4%, seguita da Apple con i suoi 38,1 milioni di iPhone. Cifre immense, che chiedono però di tenere conto dell’imminente arrivo degli smartphone di alto pregio proposti dai colossi asiatici che, a breve termine, invaderanno i nostri mercati. Huawei, Xiaomi e Lenovo spaventano i big della telefonia, in quanto sanno proporre elementi altrettanto belli, altrettanto eleganti e altrettanto performanti. Ma, purtroppo per loro, anche ad un costo molto inferiore rispetto ai cugini nativi.

Quale sarà il futuro della telefonia? E ancora, i classici telefonini spariranno davvero dagli scaffali dei nostri negozi? Solo il tempo potrà raccontarci cosa può accadere, ma nell’attesa possiamo gustarci il lancio di prodotti sempre più nuovi, sempre più belli e sempre più ricchi di servizi, a totale servizio di noi consumatori.

Scrivi un commento

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime Notizie

Inizio